ééé
Visos kolekcijos trumpa apžvalga



Lietuviškai


Istoriniai Lietuvos dokumentai

Dokumentai prancūzų kalba
Istoriniai Italijos dokumentai
Kiti raštai
Katalogas

Į viršų


TRUMPIEJI APRAŠAI (itališkai)

F101-9, F101-42, F101-45, F101-46, F101-47 F101-95, F101-96, F101-97, F101-99, F101-100 F101-105, F101-109, F101-111, F101-115, F101-117 F101-118, F101-123, F101-128, F101-129, F101-130 F101-131, F101-132, F101-133, F101-134, F101-135 F101-150, F101-151
[F101-54] [F101-60] [F101-63] [F101-91] [F101-92]



LNMMB F101-54

Fr[ater] Antonius Barberinus...
Documento di fratello Antonio Barberini (Antonius Barberinus), protettore generale dell’Arciconfraternita della Dottrina Cristiana (Archiconfraternitas Doctrinae Christianae), indirizzato ai confratelli della cattedrale di San Pietro e Paolo in Medininkai, nella diocesi di Samogizia (Dioc. Samogitiæ), notifica che i suddetti confratelli sono stati accettati nella Confraternita della Dottrina Cristiana di Roma. Il documento riassume la bolla di Papa Paolo V (Paulus Papa V) del 6 ottobre 1607, che conferma la fondazione dell’Arciconfraternita (Archiconfraternitas Doctrinae Christianae) a Roma, e la bolla di Papa Clemente VIII (Clemens Papa VIII) del 7 dicembre 1604, che stabilisce che l’adesione alla Confraternita comporta benedizioni e grazie  per i confratelli.

Livello di autenticità
Originale.
Luogo e data del documento
Stampato a Roma nel 1630.
Date di creazione dei documenti riassunti: Tusculo, 6 ottobre 1607; Roma, 7 dicembre 1604.

Sigilli

Il sigillo è andato perduto. Si è conservata una cordicella di fili marroni e dorati (il risvolto della pergamena è 3,5 cm, i due fori per la cordicella sono ad una distanza di 3,5 cm).
Firme
Firme dei cardinali della curia pontificia: 
Antonius [Barberinus] – Antonio Barberini,
Hieronymus Lanuvius
– Geronimo Lanuvio, 
Petrus Marchesius
– Pietro Marchesi,
Augustinus Latinus
– Agostino Latini,
Patricius Factorius
– Patrizio Fattori,
Ascanius Pantera
– Ascanio Pantera,
Iulius Mandosius
– Giulio Mandosi,
Vincentius Salissorius
– Vincenzo Salissori.

Lingua
Latino.
Decorazioni
Le lettere dell’incipit (occupa 4 linee di scrittura) sono dorate, manoscritte, l’intero testo è incorniciato con una linea dorata.
Materiale
Pergamena, stampato, colori a stampa.
Dimensioni
1 foglio: 49 x 67 + 3,5 cm.
Specchio di scrittura:  35,5 x 47 cm.

 



LNMMB F101-60

Urbanus Episcopus servus servorum Dei...
Il decreto di Papa Urbano VIII (Urbanus Papa VIII) garantisce a Giovanni Battista Macedonio (Ioannes Baptiſta Macedonius) il rettorato della chiesa di San Michele nella diocesi di Mileto (Militen(sis) Dioc(esis)) dopo le dimissioni del suo precedente rettore Pietro Antonio Mirigliani (Petrus Antonius Miriglianus).

Livello di autenticità
Originale.
Luogo e data del documento
Castel Gandolfo (Diocesi di Albano), 13 luglio 1635.
Sigilli

La bolla di Papa Urbano VIII (Ø 4 cm) è affissa al documento con un cordino di filo giallo e rosso (la pergamena ha un risvolto di 8,5 cm, i due fori per la corda sono separati da 8,5 cm).
Firme

I. Camantinus, cardinale, e firme a altri prelati della curia romana (22 altre firme sono indecifrabili).
Lingue

Latino.
Decorazioni
Non ne esistono.
Materiali

Pergamena e inchiostro.
Dimensioni
1 foglio: 56 x 33 + 8,5 cm.
Specchio di scrittura:  49,5 x 19,5 cm.

 



LNMMB F
101-63

Urbanus episcopus servus servorum Dei...
L'indulgenza di Papa Urbano VIII (Urbanus Papa VIII) è concessa ai membri dell'ordine dei Fratelli della Santa Vergine Maria e San Giuseppe, presente nella chiesa di  Žagarė (oppidum Zagarien(se)) nella diocesi di Samogizia (Samogitien(sis) dio(ecesis)), e a tutti i credenti della parrocchia.

Livello di autenticità
Originale.
Luogo e data del documento
Roma, 13 agosto 1639.
Sigilli

La bolla di Papa Urbano VIII (Ø 3,8 cm) è affissa al documento da un nastro di fili gialli e color lino  (la pergamena ha un risvolto di 7 cm, i due fori per il cordino sono ad una distanza di 11,5 cm).
Firme
P. Campianus (?), cardinale della curia romana;
10 altre firme sono indecifrabili.
Lingue

Latino.
Descrizione
Il vertice ed il margine sinistro della pergamena sono decorati con una cornice di ornamenti floreali. Le lettere iniziali sono decorate con gli stessi motivi.
Materiali

Pergamena e inchiostro.
Dimensioni
1 foglio: 64 x 36 + 7 cm.
Specchio di scrittura:  55 x 28 cm.

 



LNMMB F101-91

Collegium Scriptorum Archivii Romanae Curiae...
Supplica degli Archivi della Curia Romana con la quale si chiede che i dignitari della Chiesa nominino Felice di Enrico, Napoletano (Felix de Henrico Neapolitanus) come pubblico notaio e a fargli prestare giuramento secondo la formula indicata.

In nomine Domini amen…
Il notaio apostolico ed il canonico della Basilica di San Giovanni di Napoli, Pietro Antonio Castaldo Toccillo (Petrus Antonius Castaldus Toccillus), notifica la nomina di Felice di Enrico, Napoletano (Felix d’ Errico de Neap(oli)) come pubblico notaio e del giuramento secondo le formule previste dal rituale.

Livello di autenticità
Originale.
Luogo e data del documento
Roma, 10 luglio 1700; Napoli, 7 Agosto 1700.
Ogni documento occupa una parte della pergamena.
Sigilli
I due documenti sono convalidati da due sigilli di cera, uno su entrambi i lati della pergamena (uno è tondo, Ø 4,5 cm e coperto con un quadrato di carta lavorata; l’altro è ovale, 3,5 cm., e coperto da un cerchio di carta lavorata.)
Firme
Il più anziano dell’ufficio pontificio A. Bonaccursius – A. Bonaccorsi.
Sul retro del documento, la pergamena riporta le firme di Petrus Antonius Castaldo Toccillo, notaio apostolico ed il canonico della Basilica di San Giovanni di Napoli, e di Alexander de Martino de Steogioli, pubblico notaio degli Archivi della curia romana.
Lingue

Latino.
Descrizione
La lettera iniziale affianca tre linee di scrittura; la scrittura è allargata e in rilievo. L’iniziale “O” è posta in una cornice contenente un’immagine dipinta della Dea della Giustizia (2,8 x 2,6 cm). L’intero testo è ornato con un bordo ornamentale composto di motivi floreali, immagini di leoni, uccelli, cupidi, teste maschili ed elementi di araldica pontificia.
Materiali

Pergamena, con annotazioni manoscritte, presenti sia sul verso che sul recto. 
Dimensioni
1 foglio: 40 x 28 cm.
Specchio di scrittura:  30 x 15,5 cm.

 



LNMMB F101-92

Clemens Episcopus servus servorum Dei...
Il decreto di Papa Clemente XI (Clemens Papa XI) nomina Angelo Parisi (Angelus Pariſius) come arciprete della chiesa parrocchiale di Pali (Terra Pali), nella diocesi di Compsane (Compſan(a) Dioc(esis)).

Livello di autenticità
Originale.
Luogo e data del documento
Roma, 4 settembre 1709.
Sigilli

La bolla di Papa Clemente XI (Ø 4 cm) è affissa al documento con un cordino di filo giallo e rosa (la pergamena ha un risvolto di 4,7 cm, i due fori per il cordino sono ad una distanza di 8 cm).
Firme
Firma del cardinale della curia pontificia A. Giogettus ed prelati Cost, P. Leuage, C. Albanus, A. Mastrozzius (?); altre 6 firme sono indecifrabili.
Lingue

Latino.
Descrizione

Le lettere iniziali sono decorate con ornamenti floreali.
Materiali

Pergamena e inchiostro.
Dimensioni
1 foglio: 50 x 28,5 + 4,7 cm.
Specchio di scrittura: 47 x 21 cm.

F101-9, F101-42, F101-45, F101-46, F101-47 F101-95, F101-96, F101-97, F101-99, F101-100 F101-105, F101-109, F101-111, F101-115, F101-117 F101-118, F101-123, F101-128, F101-129, F101-130 F101-131, F101-132, F101-133, F101-134, F101-135 F101-150, F101-151 

Į viršų