Collection of Parchments



English Italian


Historical Documents of the Grand Duchy of Lithuania
Popes Letters
Historical Documents of France
Historical Documents of Italy
Other ManuscriptsCatalogue

 


Brief Description
 

HISTORICAL DOCUMENTS OF ITALY 

F101-1, F101-2, F101-3, F101-4, F101-5 F101-6, F101-8, F101-10, F101-11, F101-12 F101-13, F101-14, F101-16, F101-17, F101-40 F101-51, F101-65, F101-73, F101-79, F101-88 F101-94, F101-98, F101-113, F101-114

La collezione contiene 24 documenti pertinenti alla storia d’Italia, tra i quali il più antico manoscritto della collezione, un atto di cessione di terra datato 1329. Scritti in latino ed in italiano, i documenti del gruppo sono cronologicamente ascritti tra il XIV ed il XVIII secolo: 1 documento in latino appartiene al XIV secolo; 13 documenti in latino sono del XV secolo; 1 documento in italiano e latino appartiene al XVI secolo; 5 al XVII secolo (3 sono scritti in latino,1 in italiano ed uno sia in italiano che in latino). 4 documenti sono del XVIII secolo (1 in latino, uno in taliano e latino e due in italiano).

Il decreto del Re di Sicilia Ferdinando IV
1761. F101-113

La decisione di un caso legale
 
1431. F101-3

I documenti italiani spiccano tra gli altri manoscritti per la loro “appariscenza”. Molti dei documenti senza sigillo sono scritti su fogli di pergamena molto lunghi (la lunghezza del documento F101-73 è 218 cm.), non tagliato nella parte finale. La qualità della pergamena non è solitamente molto alta. L’invocazione dei mansocritti In nomine Domini... è spesso decorata con l’iniziale “I” e la croce davanti ad essa; il testo è spesso completato con immagini di croci. Il documento F101-113 (la lettera di Giovanni Assenzio di Goysueta, maresciallo di campo di Re Ferdinando IV di Sicilia e Segretario di Stato di Sua Maestà) è impreziosita con una “C” iniziale, ornata con una immagine colorata del porto di Napoli e del Vesuvio. 

I documenti furono scritti a favore di re, gerarchie ecclesiastiche, ufficiali della corte e rappresentanti di altre classi sociali. La maggior parte dei documenti è composta da atti relativi al trasferimento, vendita e locazione di terreni (F101-1, 2, 5, 6, 10, 12, 16, 40, 94) e da altri documenti giuridici (F101-3, 4, 8, 11, 51, 65, 79). La collezione include anche un documento attestante una consacrazione (F101-98), un documento certificante un titolo nobiliare (F101-83), un permesso per sfruttare l’acqua (F101-13) e l’affitto di un fondo (F101-17).

 Solo sette documenti sono certificati da un sigillo.

Sfortunatamente, molti dei sigilli che confermano i documenti non si sono conservati. Oggi è possibile vedere solo i sigilli dei documenti più recenti: un frammento di un sigillo di cera impresso per certificare un documento della Curia pontificia (F101-79), un sigillo di cera rossa impresso con una custodia di carta decorativa a conferma delle lettere di Domenico Invitti, arcivescovo di Sardi (F101-98) e di re Ferdinando IV di Sicilia (F101-113).

Cinque documenti appartengono al Regno di Napoli (F101-13, 17, 88, 98, 114), tre documenti al Monastero di Santa Maria della Stella (F101-6, 8, 12), due documenti alla contea di Coriolano (F101-73, 94) e due documenti sono documenti giuridici di Andrea di Lisul (F101-3, 4).

Anche la maggior parte delle lettere pontificie è relativa alla storia d’Italia.

F101-1, F101-2, F101-3, F101-4, F101-5 F101-6, F101-8, F101-10, F101-11, F101-12 F101-13, F101-14, F101-16, F101-17, F101-40 F101-51, F101-65, F101-73, F101-79, F101-88 F101-94, F101-98, F101-113, F101-114